Angiologia

Angiologia è la branca della Medicina che studia l’anatomia e le patologie che colpiscono i vasi sanguigni e quelli linfatici.

L’aneurisma, l’aterosclerosi e la dissecazione dell’aorta, la trombosi e l’embolia sono alcune delle patologie che colpiscono i vasi arteriosi, invece le vene varicose, l’insufficienza venosa cronica e la trombosi venosa sono tra quelle che colpiscono i vasi venosi, mentre i vasi linfatici sono interessati principalmente da casi di linfedema primario o secondario. L’angiologia si occupa anche dei fattori di rischio nel caso di valori alti di colesterolo e pressione sanguigna.

Tali malattie sono di particolare competenza dell’Angiologo.

Una visita angiologica è utile per conoscere la salute dei vasi e analizzare i due settori della circolazione: arterioso e venoso, curare una patologia già presente e prevenire potenziali complicazioni, di una malattia vascolare non ancora evidente.

Durante la visita, ove necessario, l’angiologo effettuerà un ecocolordoppler (TSA) di controllo. Si tratta di una tecnica affidabile e non invasiva, un esame di diagnostica per immagini che permette di studiare i tronchi sovraortici, ossia i vasi che partono dal cuore e portano il sangue alla testa. Si tratta di un esame senza controindicazioni e completamente indolore, molto utile sia nello screening di persone che presentano fattori di rischio specifici, sia per quanti sono incorsi in episodi ischemici.

Visualizza graficamente il movimento del sangue nei vasi sanguigni, le eventuali alterazioni e la forma dei vasi sanguigni. In questo modo si possono diagnosticare malattie come le stenosi arteriose, stenosi venose, aneurismi, trombosi venose superficiali e profonde, insufficienza venosa